overdose

Ho 21 anni e vivo a Napoli. Se dovessi stare per il resto della mia vita su un'isola deserta porterei la mia chitarra, la mia macchina fotografica, tanta buona musica e una miriade di libri.


navigate [+]
"Perché un pretesto per tornare, bisogna sempre seminarselo dietro, quando si parte." - Alesssandro Baricco, Oceano Mare. (via booksoflovee)

(via uncastellodicarta)

2867
"E per struccarti useranno delle nuvole,
cariche di piogge, adesso che sei forte,
che se piangi ti si arrugginiscono le guance."
- Vasco Brondi (via conidemonidentroagliocchi)

(via sonounfantasmaconuncuorechebatte)

339
vuotimaicolmati:


23ottoble99:

apensartimitremanoipolsi:

scacciamoiricordi:

Ecco

AHAHAAHHAAH

AHAHAHAHHAHAH

esatto
nothingtosayme:


seiquellochesei:

E infatti è colpa mia

Esattamente. Tutta colpa mia.


E non è così.
"Non rovinare mai
il tuo presente
per un passato
che non ha futuro."
- W.Shakespeare. (via corpicollisi)

(Source: eye-on-the-world, via uncastellodicarta)

9321
siamo-polvere-ed-ombra:

turbini:

Ma quanto ho pianto

ALLORA.
fotodiunricordo:

🌴
Hate
jadegreeneyesandredsoul: "Cara mamma" 

…volevo dirti poche parole con una lettere che forse non leggerai e ch’è nata per caso, per gioco, quasi.
Oggi pensavo a quale fosse il ricordo della mia infanzia più brutto.. Beh, è legato a te. Ricordo ancora quella sera in cui eri stata punita senza motivo, eri stata colpita in testa con quel trofeo che avevi vinto anni fa ad un concorso di canto. Ricordi perché? A me non va di ricordartelo ancora una volta, perché tu lo ricordi meglio di me, mamma, ricordi quanto ha fatto male, e non per il sangue, ma per la ferita che avevi dentro che veniva lacerata sempre di più.
Mamma, io ti ho sempre visto vittima, ti ho sempre vista “paziente”, in senso negativo, ti ho vista esausta e senza speranze. Ricordi quando ti dissi che ti avrei salvata da tutto ciò? Tu il mio aiuto non l’hai voluto, hai preferito continuare a soffrire. Per cosa poi? Per chi? Per me e mio fratello? Tutte balle.
Mamma ti scrivo per dirti che mi hai deluso, per dirti che se c’è una cosa che vorrei evitare in tutta la vita è viverla come l’hai vissuta tu. Sono delusa perché pensavo che ti amassi un po’ di più, pensavo che avessi il coraggio di mollare tutto e ricominciare da zero, senza di lui. Sono delusa per un milione di cose e mi stanco quasi a dirle tutte.. Sei stata così vittima della tua sofferente vita che il tuo dolore è ricaduto su di me. Ora cosa me ne faccio nel tuo dolore? Il tuo peso è troppo grande per me ed io non riesco più a reggerlo.
Sai meglio di me che da quando ero piccola ho portato sulle spalle gli sfoghi di un matrimonio fallito, con segni sul viso e nel cuore. Ora vuoi rimediare? Ora vuoi parlarmi? Ho 21 anni, mamma. Non ne ho bisogno più. Per quanto tu ti possa sforzare di cambiare il futuro, il passato resta sempre a quella sera, a quelle sere, in cui avevo bisogno di un tuo abbraccio e non l’ho mai avuto.
Perdonami mamma se non riesco a vedere in te la donna che un giorno io sarò. Preferisco continuare da sola, come ho fatto fin’ora.
Perdonami per la mia sincerità, che sincerità non è perché resta una lettera che mai consegnerò.

1
4223